Oldenzaalsestraat, 194



2017 | solo show

presentato a 30th January 2017-in progress, Gelateria Sogni di Ghiaccio

Durante un’esperienza in Olanda durata alcuni mesi, vengo invitata a Bologna a partecipare al progetto Family Matters. La mia idea nasce dalla volontà di condividere la mia esperienza e decido quindi di portare nello spazio degli oggetti che prendo in prestito dai luoghi e dalle persone che ho frequentato in Olanda. In sostituzione al foglio di sala, accanto ad ogni oggetto si trovano le rispettive documentazioni che raccontano in modo diverso la provenienza fisica e affettiva di ciascuno di essi (fotografie dei luoghi in cui ho trovato gli oggetti, un audio durante un pranzo, uno screenshot di una conversazione su messenger).


//

2017 | solo show

presented at 30th January 2017-in progress, Gelateria Sogni di Ghiaccio









Manufatti abbandonati da ex inquilini nella casa olandese in cui ho abitato, frequentata da decenni da studenti dell’Accademia di Belle Arti della città; documentazione fotografica degli oggetti nel luogo in cui li ho trovati
//
Artifacts abandoned by ex tenants of the house where I lived, inhabitated for several decades by students of the Academy of Fine Arts; photographic documentation of the objects where I’ve found them





veduta dell’installazione a Gelateria Sogni di Ghiaccio
//
installation view at Gelateria Sogni di Ghiaccio



tovaglia; audio che documenta il momento in cui, durante un pranzo nella città olandese, chiedo in prestito al padrone di casa la tovaglia su cui stiamo mangiando, per esporla nella mostra a Bologna
//
table cloth; recording of the moment when during a lunch, I’m asking to the host if he can borrow the table cloth where we’rw eating, to exhibit it during an exhibition in Bologna





tappeto di pelliccia; screenshot su Mac con conversazione su messenger in cui, mentre chiedo in prestito il tipico tappeto di capra olandese presente a casa dei prestatari, ne scopro la diversa derivazione


//